Commenti di poesia: Portami il girasole ch'io lo trapianti

OGNI CENTO FANS AGGIUNGO UN NUOVO COMMENTO!

05 marzo, 2007

Portami il girasole ch'io lo trapianti

Portami il girasole ch'io lo trapianti
nel mio terreno bruciato dal salino,
e mostri tutto il giorno agli azzurri specchianti
del cielo l'ansietà del suo volto giallino.

Tendono alla chiarità le cose oscure,
si esauriscono i corpi in un fluire
di tinte: queste in musiche. Svanire
è dunque la ventura delle venture.

Portami tu la pianta che conduce
dove sorgono bionde trasparenze
e vapora la vita quale essenza;
portami il girasole impazzito di luce.
(
Eugenio Montale, Ossi di seppia, 1925)

L'invocazione iniziale è un verso di quelli che si stampano nella memoria: portami il girasole ch'io lo trapianti. C'è tutta la forza di una preghiera e la debolezza del poeta, la cui anima è un terreno bruciato dal salino, una ferita di una terra dolorosa. Il girasole, pianta magica e dalle foglie gialle, come quei limoni cantati da Montale in altre liriche, è quasi reso in maniera antropomorfica, con quel volto giallino che chiude la prima quartina. Ma più che un uomo è un angelo, una divinità, un mago, che tende verso il cielo azzurro per ansia e bramosia di infinito: non un girasole, il girasole.

La seconda quartina esprime tutto il disincanto tipico della poetica di Montale: anche il cielo non è che illusione, ma una bellissima vanità, una musica che compensa l'inconsistenza di tutte le cose. Ecco il significato del passare dalla corporeità a sensazioni che vanno oltre l'estensione: la vista e poi l'udito, che dei sensi è il più volatile. La constatazione che lo svanire è la ventura delle venture ha anch'essa un che di magico: il morire nella musica, che è la cosa più vicina alla poesia, è un destino che ha in sé qualcosa di meraviglioso. In questo senso questa strofa simboleggia alla perfezione quella amara meraviglia che percorre come un filo continuo tutta la poetica di Montale.

L'ultima parte riprende l'inizio del componimento per quanto riguarda l'invocazione e prosegue il tema del dissolvimento: trasparenze e verbi quali vapora fanno capire quanto ci stiamo allontanando dalla materialità per giungere all'essenza. Il girasole è ormai simbolo di un'ebbrezza quasi mistica, che rischiara la visione delle cose, estremo tentativo di una poesia che è anche filosofia, teoria (nel senso greco del termine: vedere) della luce, qualcosa di fronte al quale non si può fare altro che impazzire. Quello che sta chiedendo Montale alla sua Musa non è conoscenza, è qualcosa di più, è quello che ai poeti, e anche a me, piace chiamare Illuminazione.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Amo il tuo blog,complimenti.
Questa poesia è una delle mie preferite e leggere il tuo commento mi ha emozionata.
Grazie di tutto (=

Gadget ha detto...

Gadget per tuo blog o siti Web, accessori, led baner, giochi online, contatori di visite, mini chat, shoutbox, tutto per http://perblog.it

Gluca ha detto...

Questa poesia è molto bella complimenti all'autore :)

annetta ha detto...

questa poesia da sempre è la mia preferita molto particolare

Anonimo ha detto...

bellissima poesia

salino ha detto...

stronzate

limbo ha detto...

è una bellissima poesia non è una stronzata

Anonimo ha detto...

Piena di significato e capace di trasmettere felicità anche ai primi versi...il commento non mi convice molto ma complimenti lo stesso

Anonimo ha detto...

stupenda :) :) :)

Anonimo ha detto...

La lirica è meravigliosa. Il commento non all'altezza.

Cidrolin ha detto...

Grazie per il bel commento sintetico ed emozionante. Non posso dirmi d'accordo sulla "bellissima vanità" del cielo, ma trovo molto efficaci le parole sulla seconda quartina, e sul suo indispensabile passaggio filtrato da una immediata sensorialità ad un diverso livello di significazione. Se è vero che il primo amore di Montale fu la musica, questa poesia esprime forse meglio di altre come la letteratura fosse la destinazione necessaria al suo sentire.